prova costume

5 modi per prepararsi alla prova costume

Tags: Magazine

Estate, gioia, spensieratezza e…bikini? Hai dimenticato qualcosa? Sì, già che ci siamo, un po’di consigli per rimettersi in forma dato che maggio significa last call per una silhouette mozzafiato! Ebbene sì, siamo agli sgoccioli e se ti manca qualche dritta o sei in ritardo sul tuo piano di rientro chili di troppo pre – bikini siamo qui per darti una mano.

Il primo consiglio è porsi comunque degli obiettivi realistici da valutare in base all’età, al sesso, al peso, al lavoro e all’aspetto psicologico di chi si imbatte nella preparazione prova costume. È esattamente quello che farebbe un buon personal trainer prima di inserire un programma troppo ambizioso e quindi affatto efficace per una, ad esempio, madre di famiglia, lavoratrice e con mille impegni che magari si ritrova fuori allenamento da un po’tempo!

Inoltre è importante valutare, rispetto al peso corporeo, la composizione corporea che calcola la percentuale di grasso corporeo, attraverso alcuni metodi tra cui quello Vip Center che puoi trovare anche nel nostro Space.
Quello che puoi cominciare a fare da subito però è seguire alcuni consigli che alleggeriranno, anche se in modo differente, rispetto alla tua forma fisica attuale, il peso sulla bilancia.

5 strategie per superare la prova costume

  1. Ritardare il senso di fame. Non servono integratori o pseudo farmaci miracolosi, puoi attuare qualche piccolo trucco che ti farà sentire più sazia a parità di calorie ingerite perché agirà sugli ormoni che scatenano quell’impulso famelico che non ti dà scampo. Puoi cominciare il pasto, ad esempio, con frutta e verdura: mangiare l’insalata prima del pasto è un modo per domare la fame perché, a fine pasto, ti sentirai più sazia. Altri cibi che aumentano il senso di sazietà e abbassano anche la glicemia, tenendo a bada la produzione di insulina, sono i carboidrati complessi come cereali e la pasta integrale, il farro, i fagiolini e i legumi. Punta poi sugli alimenti spezza fame ed energetici per spuntini ad alto senso di sazietà con pistacchi, mandorle e noci.
  2. Cardio + tone o tone + cardio? Altra credenza comune riguarda la sequenza giusta per bruciare più grassi: spesso si pensa che la famosa corsa di riscaldamento debba necessariamente precedere gli esercizi di tonificazione. Prova da invertire e noterai come fare i tuoi esercizi per tonificare prima di un’attività aerobica sostenuta ti farà bruciare di più. Questo non significa che non va fatto un riscaldamento iniziale, anzi è necessario ma una cosa sono i 15 minuti di attività aerobica moderata per sciogliere i muscoli, altra è un allenamento aerobico ad alto impatto di 30-40 minuti che precede soli 20 minuti di tonificazione.
  3. Capitolo Addominali. Nessuno oserà contraddire la massima che con una pancia snella o addirittura scolpita la prova costume può dirsi quasi superata. Ecco perché abbiamo trattato gli addominali come un capitolo a parte. Per essere precisi: per eliminare la pancia non basta fare gli esercizi addominali qualora tu abbia del peso da perdere, in quanto è necessario prima bruciare i grassi. Come? Con l’attività aerobica: 40-60 minuti per 4-5 giorni alla settimana è il programma dimagrante ideale e, come diciamo nel punto 2, è utile introdurre dopo un paio di settimane delle sessioni con i pesi prima della sessione aerobica. Vedrai i primi chili di troppo disperdersi nel nulla!
  4. Mangiare in base all’allenamento. Oltre ai consigli base sull’alimentazione, un altro trucco apparentemente scontato ma quasi mai utilizzato, soprattutto da chi è alle prime armi con lo sport, è quello di alimentarsi in base alla tipologia di allenamento, aerobico o anaerobico. Nei giorni in cui fai allenamento cardiovascolare conviene mangiare carboidrati come pasta, riso, cereali anche a cena. Nei giorni di riposo e in quelli in cui ti alleni per la massa invece è meglio ridurne il consumo a cena ad un massimo di 50 g preferendo frutta, verdure, carne o pesce.
  5. Dimagrimento localizzato. Non è del tutto una chimera. Alcuni studi hanno dimostrato che il dimagrimento localizzato si può ottenere ma solo se inserito in un processo di dimagrimento generale. Sappiamo che 30-40 min di attività aerobica provocano un dimagrimento generalizzato mentre l’alternanza con l’attività anaerobica, focalizzata su alcune parti muscolari, come addominali, braccia, glutei gambe, provoca in più un dimagrimento localizzato in questi punti. La soluzione sono dunque gli allenamenti a circuito come funzionale, l’interval training, crosscardio ecc.

Puoi provare il dimagrimento localizzato con il metodo Vip Center

Informati in segreteria!

Ultimi post

Tags: Magazine

Potrebbe interessanti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta la nostra cookie policy.