dimagrire in poco tempo

Dimagrire in 7 minuti, lo dice la scienza

Tags: Magazine

Ti sei mai chiesto perchè partecipare ad una lezione fitness intensa e di breve durata? Avresti mai pensato che l’efficacia di questi allenamenti brevi, a circuito, è approvata dalla scienza? E’ proprio così tanto che è stato persino stabilito un tempo “scientifico” di 7 minuti in cui ritrovare la propria forma fisica. Per la prima volta una ricerca di un’università americana è diventata molto popolare perchè ha tradotto in esercizi pratici (un pratico workout di 7 minuti) i risultati di uno studio scientifico.

La scoperta è che solo 7 minuti di un determinato circuito allenante possano produrre cambiamenti nel corpo simili a diverse ore di running o di bike riding. Dunque la scienza al servizio del tempo è una chimera? No, grazie gli allenamenti a circuito che si basano sul body weight tranining o esercizi funzionali.

Prova i nostri allenamenti da 30 minuti!

Secondo la scoperta fatta alla McMaster University a Hamilton in Ontario questi fatidici 7 minuti producono dei cambiamenti molecolari nei muscoli quanto ore di allenamento di resistenza. Gli esercizi sono molto semplici e modellati sullo schema allenamento funzionale/Interval training: il ricercatore Chris Jordan, in particolare, parla di 12 esercizi in sequenza, ognuno della durata di 30 secondi, intervallati da 10 secondi di recupero.

Dovrebbero essere ripetuti ogni giorno o almeno 3 – 4 volte alla settimana.

Gli esercizi, quali?

Ciò che conta davvero è che in 7 minuti la sequenza sia davvero intensa e a prova di “comfort”, che significa? La ricerca parla chiaro: l’allenamento è breve ma deve essere il meno confortevole possibile, addirittura sgradevole ma il vantaggio è che dura poco. Cosa si intende in gergo tecnico per sgradevole? L’intensità deve aggirarsi intorno ad 8, su una scala di disagio di 1 a 10.

Per quanto riguarda il tipo di esercizi sono allenamenti funzionali, tipo Crossfit o Interval training e basta usare il peso del proprio corpo e qualche rudimentale strumento come una parete e una sedia.

I due requisiti più importanti da soddisfare per renderli efficaci sono: la sequenza che deve essere rispettata per garantire i risultati, in quanto si divide in upper body, tonificazione della parta alta e lower body, tonificazione della parte bassa e i tempi di allenamento e recupero per permettere al muscolo di rigenerarsi. Per la durata esatta da rispettare puoi utilizzare questo countdown interattivo.

Ecco la sequenza di esercizi. Nel video sottostante trovi la descrizione!

 

  1. Salto a gambe divaricate (Total body).
  2. Wall sit (Lower body).
  3. Flessioni (Upper body).
  4. Addominali (Core).
  5. Step con la sedia (Total body).
  6. Squat (Lower body).
  7. Tricipiti su sedia (Upper body).
  8. Plank (Core).
  9. Skip da fermo (Total body).
  10. Affondi (Lower body).
  11. Flessione con rotazione (Upper body).
  12. Plank laterale (Core).

Risultati

Gli allenamenti a circuito ad alta intensità sono dei grandi riattivatori di metabolismo: grazie ad un processo chiamato EPOC questi allenamenti permettono al corpo di andare in debito di ossigeno che significa continuare a consumare calorie dopo l’attività fisica, anche a riposo.

Controindicazioni

L’allenamento a circuito ad intensità massimale non è adatto a tutti: dovrebbero evitarlo le persone obese, anziane o affette ad esempio da cardiopatie. Consulta un medico prima di provarlo.

Prova i nostri allenamenti brevi a circuito, sono quelli dal bollino rosso 30′

 

 

Ultimi post

Tags: Magazine

Potrebbe interessanti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta la nostra cookie policy.